Puoi ascoltare questo podcast anche su Spotify, Apple Podcast e sulle principali piattaforme digitali

La Grande Depressione e la crisi del 1929

La Grande Depressione rappresenta la peggior recessione economica nella storia del mondo industrializzato, e durò dal 1929 al 1939.

Poco prima della crisi l’economia americana si trova in un momento dopo, quello che viene definito il periodo dei Ruggenti anni Venti. La ricchezza totale della nazione raddoppiò tra il 1920 e il 1929!

Il mercato azionario, incentrato sulla Borsa di New York a Wall Street, è stato teatro di speculazioni spericolate, in cui tutti, dai magnati milionari ai cuochi, hanno riversato i loro risparmi in azioni. Di conseguenza, il mercato azionario subì una rapida espansione, raggiungendo il suo apice nell’agosto 1929.

A quel punto, la produzione era già diminuita e la disoccupazione era aumentata, lasciando i prezzi delle azioni molto più alti del loro valore reale. Inoltre, i salari a quel tempo erano bassi, il debito dei consumatori stava proliferando, il settore agricolo dell’economia era in difficoltà a causa della siccità e del calo dei prezzi dei prodotti alimentari e le banche avevano un eccesso di prestiti di grandi dimensioni che non potevano essere liquidati.

L’economia americana entrò in una lieve recessione durante l’estate del 1929, quando la spesa dei consumatori rallentò e le merci invendute iniziarono ad accumularsi. Ciononostante, i prezzi delle azioni hanno continuato a salire e, con la caduta di quell’anno, avevano raggiunto livelli stratosferici che non potevano essere giustificati dai guadagni attesi nel futuro.

Il 24 ottobre 1929, quando gli investitori nervosi iniziarono a vendere in massa azioni troppo care, il crollo del mercato azionario che alcuni avevano temuto alla fine, accadde. Un record di 12,9 milioni di azioni sono state scambiate quel giorno, noto come il “giovedì nero”.

Milioni di azioni hanno perso il loto valore e quegli investitori che avevano acquistato azioni con denaro preso in prestito sono stati completamente spazzati via.

Mentre la fiducia dei consumatori svaniva sulla scia del crollo del mercato azionario, la flessione della spesa e degli investimenti ha portato le fabbriche e altre imprese a rallentare la produzione e iniziare a licenziare i propri lavoratori. Per coloro che hanno avuto la fortuna di rimanere occupati, i salari sono diminuiti e il potere d’acquisto è diminuito drasticamente.

Nonostante le assicurazioni del presidente Herbert Hoover e di altri leader sul fatto che la crisi si sarebbe risolta, le cose hanno continuato a peggiorare nei successivi tre anni. Nel 1930, 4 milioni di americani in cerca di lavoro non riuscirono a trovarlo; il numero salì a 6 milioni nel 1931.

Di fronte a questa terribile situazione, l’amministrazione Hoover ha cercato di sostenere le banche in fallimento e altre istituzioni con prestiti pubblici; l’idea era che le banche a loro volta avrebbero prestato il denaro alle imprese, che sarebbero state in grado di assumere i loro dipendenti.

Quando iniziò la Grande Depressione, gli Stati Uniti erano l’unico paese industrializzato al mondo senza alcuna forma di assicurazione contro la disoccupazione o previdenza sociale. Nel 1935, il Congresso approvò il Social Security Act , che per la prima volta fornì agli americani sussidi di disoccupazione, disabilità e pensioni per la vecchiaia.

Le misure di soccorso e di riforma del ” New Deal ” attuate dall’amministrazione del presidente Franklin D. Roosevelt contribuirono a ridurre gli effetti peggiori della Grande Depressione; tuttavia, l’economia americana non cambierà completamente se non dopo il 1939, quando la seconda guerra mondiale rivitalizzò l’industria americana


Con la decisione di Roosevelt di sostenere la Gran Bretagna e la Francia nella lotta contro la
Germania e le altre potenze dell’Asse, la produzione della difesa si preparò, producendo sempre più posti di lavoro nel settore privato.

L’attacco giapponese a Pearl Harbor nel dicembre 1941 portò all’ingresso dell’America nella seconda guerra mondiale e le fabbriche della nazione tornarono in piena modalità di produzione.

“Quindi, prima di tutto, lasciatemi esprimere la mia ferma convinzione che l’unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa.”

Comments to: La Grande Depressione e la Crisi del 29 in 5 minuti